Confronti

I cammini della ristorazione: dal primo ristorante europeo ai servizi digitali sul web

A Parigi, due secoli e mezzo fa, viene aperto il primo ristorante occidentale; il fautore della novità è Monsieur Boulanger; il locale si trova nei pressi del Louvre, e viene servito direttamente dal proprietario un brodo squisito,sopraffino perché Boulanger, in effetti di professione è un esperto “marchand de bouillon”, ossia letteralmente “mercante di brodo”, ecco cosi nato il primo ristorante in Europa. Monsieur Boulanger, abile commerciante puntava soprattutto su piatti corroboranti, salutari e di qualità superiore, da consumare seduti ai tavoli individuali e in un ambiente dall’arredamento dignitoso, pulito e tranquillo, un ambiente senza dubbio più chic se confrontato con le taverne fumose e rumorose dell’epoca nate più per bere che per mangiare. La novità principale era che il ristorante restava aperto fino a tarda sera e il menù era esposto in bella vista.

Capacità imprenditoriale nel ‘700

Il primo menù della storia della ristorazione comprendeva brodo, carni bollite, uova, piedini di montone in salsa bianca e altre prelibatezze; grazie all’incredibile successo Boulanger aprì altri due ristoranti, uno nel 1773 e l’altro nel 1782, quest’ultimo locale molto alla moda e raffinato, curatissimo dal cibo agli arredi era il fiore all’occhiello del primo ristoratore della storia. Prima di allora la gente poteva mangiare fuori casa nelle locande e nelle taverne, dove il servizio era molto spartano e alquanto scadente. Dai primi ristoranti aperti da Boulnger la ristorazione ha subito secolo dopo secolo una continua evoluzione. Oggi i ristoranti sono un luogo di socialità legati al mangiar bene, ma anche al piacere della convivialità e del relax; ve ne sono a centinaia in ogni Paese. E qui nasce il problema di conoscere tutti i locali migliori per provare nuove pietanze o per gustare i piatti che più amiamo.

Arriva Sluurpy; se non lo conosci non sai cosa perdi

Nell’ambito della ricerca di ristoranti fino a pochi anni fa ci si doveva orientare solo utilizzando i volantini cartacei e le pubblicità sui giornali, poi l’evoluzione digitale ha portato alla nascita di siti e portali dove consultare recensioni e informazioni sui locali dove pranzare o cenare; ma nessun sito davvero esauriente e capace di fornire dati e informazioni neutrali, ovvero non influenzate dai giudizi soggettivi degli avventori, oggi tutto questo è superato; infatti nel 2013 è nato Sluurpy, una piattaforma unica nel suo genere, ricca e performante, capace di fornire tramite il web una guida davvero completa e originale, dove sono consultabili gratuitamente centinai di dati inerenti tutti i ristoranti italiani compresi i loro menù. Su Sluurpy ogni ristoratore ha l’opportunità di pubblicare il proprio menù in una vetrina personalizzata e gratuita per farsi conoscere meglio. Sluurpy è il ponte geniale che collega la clientela con i ristoratori per una serie di vantaggi reciproci irrinunciabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *