iPhone rigenerato: ecco come aumentare la memoria di archiviazione

iPhone rigenerato

iPhone rigenerato: ecco come aumentare la memoria di archiviazione

Acquistare un iPhone rigenerato significa poter ottenere ad un prezzo più basso un telefono molto interessante ma per la memoria di archiviazione?

Avete acquistato un iPhone rigenerato o nuovo ma non vi basta la memoria di archiviazione? Allora questa mini guida potrebbe interessarvi molto. E’ sicuro che il costo iPhone 7 rigenerato, per esempio, è decisamente più basso rispetto a quello di uno smartphone nuoo ma è comunque evidente che porta con sé alcune fastidiose limitazioni che i melafonini portano con sé e quella maggiore o forse l’unica è l’assenza di uno slot per microSD per espandere la memoria di archiviazione. In effetti la tecnolgia progredisce e con essa i file multimediali diventano più definiti e divertenti ma nello stesso tempo tendono ad occupare più spazio all’interno della memoria di archiviazione. Molte aziende hanno deciso di inserire uno slot per inserire una microSD ma il colosso informatico di Cupertino non è tra queste. Non si conosce bene il motivo di questa scelta ma è probabile che Apple ha deciso di offrire un dispositivo mobile più fino e questa scelta porta alla rinuncia di alcuni componenti che potrebbero essere molto importanti nell’uso quotidiano del telefono. Ma se la tecnologia ci crea dei problemi la stessa pone il rimedio ovviando a questa mancanza con degli accessori che potrebbero rendere ovviare a questo problema. Acquistare iPhone rigenerato inoltre porta ad un minore costo sull’acquisto del dispositivo soldi che possono essere impegnati per comprare una serie completa di dispositivi di archiviazione prescindendo dal cloud che anche Apple mette a disposizione di tutti gli utenti.

Dispositivi di archiviazione di tipo USB OTG

La tecnologia USB OTG, On The Go, è una specifica che consente a dispositivi di archiviazione di massa con un dispositivo mobile che può essere uno smartphone o un tablet. Sono molti i dispositivi equipaggiati con questa tecnologia e vanno da quelli di archiviazione di massa come le chiavette USB o i dischi rigidi fino ai dispositivi di input come la tastiera, il mouse oppure i gamped. Ultimamente è stato rilasciato una versione più aggiornata di questa tecnologia la SS-OTG che sta per SuperSpeed-OTG. La cosa molto interessante di questi dispositivi di archiviazione sta nel fatto che queste pendrive possono essere adoperate sia per il computer sia per il dispositivo mobile in modo da rendere molto più veloce il trasferimento dei dati tra dispositivi differenti. Di norma le pendrive di tipo OTG hanno una durata in lettura/scrittura maggire ed un prezzo abbastanza moderato.

L’archiviazione con tecnologia wireless

Un’altra opzione, decisamente più moderna rispetto all’OTG, è l’opzione dei dispositivi di archiviazione provvisti di connessione wireless che rappresenta una valida alternativa alla porta microUSB e USB perché non solo permette di trasferire e leggere file con una grande velocità ma lo fa senza occupare porte al telefono, al tablet ed al computer. Ma la cosa molto interessante è rappresentata dal fatto che ogni terminale connesso in rete può accedere ai dati come una specie di server locale. Questi prodotti possono avere una disponibilità di memoria abbastanza variabile anche se bisogna tenere presente che si parte dai 500 Gb fino ad un massimo di 2 Tb che comunque rappresentano una quantità sufficiente per non dover mai rischiare di rimanere senza spazio per i propri dati.  Il costo di questi dispositivi è leggermente più alto rispetto a quelli delle pendrive OTG ma è anche più sicuro in termini di sicurezza dei dati ma sul mercato sono presenti anche prodotti che uniscono due importanti necessità: conservare i propri dati ed alimentare la batteria del telefono. In questo caso ci si trova di fronte a prodotti di un elevato livello.

I punti positivi e quelli negativi di un’operazione del genere

Tutte le operazioni hanno con sé degli elementi positivi e negativi quindi è necessario soppesarli molto bene in modo da non doversi trovare pentiti per un acquisto non conforme ai suoi bisogni. Chi desidera fruire liberamente di file di dimensioni abbastanza elevate come video ed immagini ad alta risoluzione ma anche giochi molto complessi, decisamente pesanti in termini di memoria occupata deve per forza rivolgersi ad un dispositivo di archiviazione di massa esterno anche se non è tutto oro ciò che riluce perché questa operazione necessita di energia che andrà ad essere adoperata per la connessione e la manipolazione dei dati. Questo è un problema molto serio per tutti coloro che adoperano uno smartphone o un tablet perché la batteria di questi terminali, date le loro dimensioni abbastanza contenute, non possono garantire un’autonomia sufficiente e non è molto carino dover rimanere senza telefono. Per ovviare a questo annoso problema è sufficiente acquistare una batteria esterna, ne esistono di tutti i tipi e colori, che ad un basso costo offre la possibilità di estendere la durata della batteria per molte ore.

Al costo iPhone rigenerato è bene quindi inserire quello di accessori per l’archiviazione e la batteria, ma conviene?

Acquistare iPhone 6s rigenerato o un altro modello significa poter risparmiare una grande quantità di denaro rispetto a quello appena uscito dalla fabbrica ma bisogna sempre tenere presente che non tutti i rigenerati sono uguali e si differenziano in base al loro grado. Si parte dall’A per arrivare alla C lettere che rappresentano la scala di usura e quindi di prezzo del dispositivo. Un altro importante elemento è rappresentato dalla ricerca dei migliori negozi online in modo tale da non rischiare di acquistare dei prodotti poco funzionali. Per ciò che riguarda l’acquisto di accessori per l’archiviazione e per l’estensione della batteria si può dire che è una scelta da fare perché prima o poi perché i dispositivi mobili, qualsiasi sia la marca o il modello per loro natura hanno delle limitazioni abbastanza serie. Per concludere decidere di acquistare uno smartphone porta con sé una serie di scelte implicite che gli utenti dovranno prima o poi prendere. E’ bene tenere comunque presente che prima di acquistare questi dispositivi tecnologici bisogna prima decidere di cosa si ha davvero bisogno perché solo in questo modo non si rischierà di acquistare dei dispositivi che non si confanno con le proprie necessità.

 

 

 

Condividi questo post

Commento